app utili per il medico

4 app utili per il medico + 1 per il paziente

Dr Geek, Resistenza|

PER RESISTERE AL “LOGORIO DELLA VITA MODERNA” FINO A QUALCHE ANNO FA L’UNICO CONSIGLIO ERA DI BERE UN CYNAR. Oggi a semplificare la vita di medico e paziente ci sono le app.  Abbiamo selezionat 4 app utili per il medico e 1 per il paziente. Tutte però appartengono a quel tipo di app che supportano la persona in un processo: che sia quello di ricordarsi di assumere un farmaco all’orario giusto, o quello che permette al medico di svolgere al meglio la sua attività.

Ad esempio, sapete quali e quante sono le domande che emergono in media durante una visita medica? Una revisione sistematica pubblicata su Jama Internal Medicine ha tentato di fare un po’ il punto…

  • In media, i clinici si pongono una domanda ogni due pazienti.
  • Cercano una risposta nel 47% dei casi.
  • Nell’80% dei casi è stato possibile trovare la risposta in meno di 2-3 minuti.
  • Il 34% delle domande era relativo al trattamento farmacologico, il 24% riguardava le potenziali cause di un sintomo, di un segno oggettivo o di un risultato di laboratorio.

Le risposte venivano ricercate per lo più nel corso della visita (non è chiaro se in presenza del paziente) e i clinici usavano per lo più fonti cartacee o ricorrevano alla consulenza dei colleghi.

Un medico con poco tempo a disposizione come può cercare le risposte ai quesiti clinici? Due delle app che abbiamo recensito per voi (UptoDate e Dynamed) servono proprio a questo…

Bibliografia

  1. Del Fiol G, Workman TE, Gorman PN. Clinical Questions Raised by Clinicians at the Point of Care. JAMA Intern Med. 2014;174(5):710-718. doi:10.1001/ jamainternmed.2014.368

Banca Dati Farmaci

App predisposta dall’AIFA (l’Agenzia Italiana del Farmaco), è l’unica banca dati ufficiale che permette al medico (o a chiunque sia interessato: l’app è gratuita e non prevede registrazione) di consultare i Riassunti delle Caratteristiche del Prodotto (RCP)eiFoglietti illustrativi (FI) aggiornati dei farmaci autorizzati al commercio in Italia.

La ricerca è eseguibile per

  1. Nome del farmaco
  2. Nome del principio attivo
  3. Nome dell’Azienda farmaceutica

Ad esempio, se si vuole eseguire la ricerca del nome di un farmaco, basterà inserire poche lettere e l’app fornirà l’elenco delle voci che le contengono. Selezionata la voce che ci interessa l’app consentirà di visualizzare:

  1. informazioni generali sul farmaco
  2. elenco delle confezioni disponibili
  3. RCP e Foglio illustrativo del farmaco selezionato

Disponibile sia per iOS che per Android.


Figure 1

Battezzato dall’inizio “l’Instagram dei medici”, Figure 1 è in realtà una piattaforma di photosharing specializzata per medici e studenti di medicina la cui finalità di studio e di ricerca sulle malattie non ha molto in comune con l’attitudine di un social network qualsiasi.

L’applicazione permette la condivisione di immagini, siano di pazienti (opportunamente trattate per impedire qualsiasi riconducibilità alla persona) o radiografie, RMN, ecc. Utilizzata da più di 150.000 operatori sanitari tra Stati Uniti, Australia, Canada e Gran Bretagna, di recente è stata anche lanciata in Europa.

Per utilizzarla (cioè per caricare immagini e commentarle) è necessario iscriversi ed essere sottoposti a un processo di verifica da parte del comitato che gestisce l’applicazioni.

Anche le immagini inserite sono soggette a una revisione da parte dei moderatori che devono garantire innanzi tutto la non riconoscibilità del paziente (a questo scopo c’è una funzione che permette di coprire anche i tatuaggi sul corpo dei pazienti).

Viste le differenti regole vigenti in tema di riservatezza dei dati in Italia, il team di Figure 1 ha collaborato con un gruppo di giuristi italiani per conformare il servizio al nostro sistema di tutela della privacy.


Dynamed

La versione mobile di DynaMed, strumento della EBSCO per il supporto del medico al point-of-care, fornisce abstract organizzati su base clinica per più di 3.100 argomenti ed è una risorsa basata su prove di efficacia che è riuscita a fornire molte risposte a quesiti clinici durante la pratica quotidiana del medico. Aggiornato quotidianamente, il suo corpus di documenti è basato sul monitoraggio di 500 riviste di medicina, database e revisioni sistematiche. Il tutto costantentemete selezionato, valutato e integrato alle informazioni già presenti sul portale.

Dalla prima schermata è possibile effettuare una ricerca di informazioni o visualizzare la lista degli argomenti. La ricerca dei contenuti può avvenire sia per termini contenuti nei titoli o nel testo degli argomenti, così che la ricerca avvenga in tutto il testo di ciascun argomento contenuto nel database. Per accedere alla app è necessario sottoscrivere un abbonamento a Dynamed.


 UpToDate

Scaricata 365.000 volte, consultata nel 2014 su 314 milioni di argomenti clinici, UptoDate si conferma lo strumento di riferimento clinico per ottenere in tempo reale informazioni scientifiche: dal quadro clinico, alla diagnosi differenziale, alle interazioni tra farmaci, per la maggior parte dei medici che la usa è una risorsa essenziale nel campo delle decisioni di natura clinica.

Le informazioni di Uptodate sono anche organizzate in sezioni e vengono costantemente aggiornate da una comunità di medici di tutto il mondo. Tutte le indicazioni mediche sono sottoposte a un rigoroso processo di peer-review. Oltre alle funzionalità di ricerca in inglese, permette di ricercare termini in italiano, tedesco, giapponese, cinese semplificato e tradizionale, francese, portoghese e spagnolo. Anche per accedere ai servizi di UptoDate è necessario aver sottoscritto un abbonamento.


RICORDAMI

È un servizio educazionale che aiuta il paziente a migliorare l’aderenza alle terapie croniche e non.

L’aderenza è sicuramente un problema di rilevanza sociale se si pensa che in media circa un terzo delle persone non assume i farmaci come prescritto, riducendo di molto i benefici della terapia e aumentando i costi sanitari in termini di medicinali sprecati e di malattie evitabili.

I risultati di un recente studio condotto su 303 pazienti dalla Queen Mary University of London hanno dimostrato come i sistemi di alert, quali per esempio gli sms, aiutino un paziente su sei a ricordarsi di prendere la propria terapia!

Da queste premesse è nato RICORDAMI, un servizio innovativo, gratuito e facile da usare. Il servizio può essere attivato dal sito www. ricordami.it, o scaricando l’App RICORDAMI disponibile su APP Store: il paziente inserisce il farmaco che gli è stato prescritto e imposta i promemoria che gli ricorderanno automaticamente quando prendere la terapia.

RICORDAMI cerca di rispondere e adattarsi alle diverse esigenze dei pazienti: coloro che accederanno dal sito potranno scegliere di ricevere come promemoria un sms o una telefonata a casa o sul cellulare; chi scaricherà

l’App, invece, riceverà una notifica push direttamente dall’app o una mail sul proprio iPhone.

Last modified: 5 luglio 2017