prevenzione

MSD e l’orizzonte della prevenzione in oncologia: “Meglio smettere” e “Il sole per amico”

MSD si racconta, Orizzonti| Articolo a cura di Policy & Communication

Meglio smettere: il primo progetto nazionale di prevenzione primaria e sensibilizzazione sui danni del fumo nelle scuole medie inferiori

L’obiettivo è quello di sensibilizzare i giovani in una fascia di età (quella fra i 10 e i 14 anni) che risulta scoperta da campagne e progetti di prevenzione. Nella scuola italiana, infatti, non è prevista un’attività strutturata di educazione a stili di vita corretti nei confronti dei ragazzi, particolarmente vulnerabili, in questa fase della loro crescita. Per questo motivo, l’AIOM (Associazione Italiana di Oncologia Medica), società scientifica che raccoglie oltre 2.500 specialisti, ha ideato una nuova campagna nazionale, mai realizzata prima in Italia, dedicata esclusivamente agli adolescenti per prevenire il primo approccio alla sigaretta dei più giovani (soprattutto delle ragazzine) ed educarli e responsabilizzarli sulla pericolosità e le conseguenze del fumo sulla salute che possono manifestarsi in età adulta. L’intervento educazionale si svolgerà nelle scuole medie inferiori da gennaio 2016 a giugno 2016.

Grazie alla precedente esperienza di “Non fare autogol”, progetto giunto alla sesta edizione, che porta in cattedra gli oncologi e i calciatori di tutte le squadre di Serie A per insegnare ai ragazzi delle scuole superiori italiane le regole della prevenzione oncologica, anche in questo nuovo progetto AIOM saranno coinvolte personalità del mondo dello sport femminile come Flavia Pennetta (oppure Margherita Granbassi o Roberta Schiavone).

Tutte le classi delle 100 scuole medie inferiori coinvolte parteciperanno anche a un “campionato” della salute: sul sito internet dedicato al progetto saranno infatti presenti ogni settimana giochi a quiz e un concorso per il miglior spot e slogan contro il fumo. Saranno creati profili e canali social media (facebook, twitter, youtube) costruiti ad hoc per lanciare il concorso on-line, raggiungere il maggior numero di ragazzi, interloquire direttamente con i giovani utenti della rete e i loro genitori/insegnanti, e rendere condivisibili tutti i contenuti della campagna, sfruttando la forza “virale” positiva di internet e dei social media.

A supporto dell’attività di prevenzione, sarà sviluppata anche un’app con giochi e quiz per illustrare ai ragazzi la pericolosità del fumo e i benefici alla salute che derivano da stili di vita più sani.

In questo modo, il progetto diventerà il più importante mai realizzato in Italia sulla sensibilizzazione dei danni da fumo tra gli adolescenti promosso da una società scientifica. L’intero progetto così descritto sarà promosso da AIOM e godrà di patrocini istituzionali (CONI, Ministero della Salute, MIUR, ecc.). La campagna, resa possibile dauna erogazione liberale di Merck & Co. Per conto della sua consociata italiana MSD, sarà presentata ufficialmente nel corso del congresso nazionale AIOM a roma il 24 ottobre.

Guarda lo spot AIOM per la campagna di comunicazione sociale contro il fumo.

 

Il sole per amico

“Il sole per amico” è la Campagna nazionale promossa da IMI (Intergruppo Melanoma Italiano) dedicata alla prevenzione e sensibilizzazione su quello che è il più temuto e aggressivo tumore della pelle, il melanoma.

L’incidenza pressoché raddoppiata in 30 anni fa sì che ogni anni in Italia ci siano 10.000 nuovi casi di melanoma, il cui principale fattore di rischio è l’esposizione ai raggi UV del sole e delle fonti artificiali (lampade abbronzanti). La campagna, patrocinata dal Ministero della Salute e da AIOM, con il coinvolgimento di deputati e senatori, è stata possibile grazie ad un’erogazione di Merck & Co., per il tramite della consociata italiana MSD ed è in linea con Il Piano Nazionale della Prevenzione 2014-2018 del Ministero della Salute, che ha tra i suoi obiettivi anche quello di ridurre o evitare tutte le esposizioni ambientali dannose per la salute.

NON SI PARLA MAI ABBASTANZA DI MELANOMA

Con l’estate aumentano le occasioni di esposizione non protetta ai raggi UV del sole, principale fattore di rischio. Ma durante tutto l’anno il crescente uso di lampade abbronzanti e di lettini solari espone la popolazione, soprattutto i più giovani, ai raggi UV artificiali, considerati cancerogeni dall’Agenzia per il Cancro e, in Italia, vietati ai minorenni. Per questo motivo è fondamentale una corretta informazione e i progetto il Sole per amico si è posto questo obiettivo.

GLI STRUMENTI DEL PROGETTO

Uno spot interpretato da Licia Colò, attività d’informazione nelle stazioni di Roma e Milano nei mesi estivi del 2015 e nelle località della Riviera Adriatica, un sito web (http://www.ilsoleperamico.it) e una pagina Facebook (http://www.facebook.it/ilsoleperamico), oltre a una specifica campagna di informazione nelle scuole elementari con attività educazionali che hanno coinvolto i ragazzi insieme agli insegnanti e alla famiglie attraverso fumetti e poster realizzati ad hoc.

«La campagna “Il Sole per amico” nasce per risvegliare e far crescere l’attenzione dell’opinione pubblica sul rischio melanoma attraverso la diffusione di una cultura della prevenzione tra la popolazione, in particolare tra i bambini in età scolare e le loro famiglie – afferma Paola Queirolo, Responsabile Oncologia Medica dell’IRCCS-AOU San Martino-IST di Genova e Presidente di IMI – Intergruppo Melanoma Italiano – la campagna nazionale, promossa da IMI, su temi di tale rilevanza ha come protagonisti i bambini delle scuole elementari e i loro genitori, tappa per noi cruciale considerato l’aumento dell’incidenza dei tumori della pelle proprio tra i più giovani e visto che le scottature da esposizione solare in età pediatrica rappresentano uno dei principali fattori di rischio».

Guarda il video con Licia Colò

Last modified: 6 luglio 2017