vree health

Vree Health: una rete integrata di servizi ad elevato valore aggiunto

MSD si racconta, Reti| A cura di Policy & Communication, MSD

“Beyond the pill” è la nuova tendenza del mondo farmaceutico: generare valore per il servizio sanitario attraverso l’offerta qualificata e distintiva per medici, pazienti e tutti gli attori del mondo sanitario, diventando partner del SSN “al di là del farmaco”. Caratteristiche che contraddistinguono il progetto Vree Health. Nata per iniziativa del gruppo farmaceutico MSD Merck & Co (MSD in Italia), con l’ambizione di utilizzare le nuove tecnologie per rispondere alle esigenze di sostenibilità dell’ecosistema sanitario), Vree Health opera in modo autonomo e ha obiettivi di business indipendenti dalla divisione farmaceutica.

Gli interlocutori di Vree Health sono gli enti pubblici e privati, ai quali offre soluzioni e-health che permettono la presa in carico del paziente cronico e la gestione integrata del percorso assistenziale, per migliorare aderenza terapeutica, accesso ai servizi sociosanitari e qualità di vita a una popolazione sempre più longeva.
Il settore delle cure primarie e la gestione delle patologie croniche rappresentano da sempre un ambito fondamentale del sistema sanitario, dall’impatto sociale ed economico molto elevato.
In questo panorama, l’integrazione degli attori del sistema sanitario coinvolti (dagli ospedali ai farmacisti) deve portare a una migliore efficienza gestionale, riducendo accessi impropri, aderenza alle terapia, migliore gestione delle riacutizzazioni e integrazione con il terrirorio.
Sfide importanti a cui i servizi Vree Health intendono fornire un supporto e una risposta.

Tre gli elementi principali di cui si compone il modello:

  1. Piattaforma per la definizione del piano di cura: attraverso questo modulo viene facilitata la comunicazione fra tutti gli attori della filiera e monitorato il piano assistenziale individuale (PAI)
  2. Centro servizi infermieristico ed amministrativo: supporta il medico ed il paziente nel percorso assistenziale
  3. Dispositivi medici per la misurazione a distanza dei parametrici clinici del paziente (ad es. pressione, glicemia…).

I servizi Vree Health si rivolgono sia all’ambito pubblico che nel privato. La collaborazione con i Sistemi Sanitari Regionali è già stata avviata: Vree Health è entrata a far parte del progetto CReG (Cronic Related Group) della Regione Lombardia, attivo dal 2012, che rappresenta uno dei più innovativi progetti di gestione delle cronicità in Europa ed uno dei primi casi di sanità digitale normata a livello regionale e accessibile a grandi popolazioni. I pazienti gestiti sono circa 30.000 su sette patologie croniche e relative comorbidità (ipertensione, diabete, scompenso, asma, BPCO, iper/ipotiroidismo).


Si tratta del progetto “Chronic Plus”, vincitore del Premio S@lute 2016 e vincitore agli About Pharma Digital Awards come Miglior Progetto rivolto alle Istituzioni e ai Payor. La soluzione Chronic Plus di Vree Health supporta i medici di medicina generale del progetto Orizzonte CREG nella presa in carico del paziente cronico, dalla definizione del piano di cura al monitoraggio dell’aderenza terapeutica.

Lavoriamo su questo progetto con grande entusiasmo – afferma Luca D’Attila, Direttore BU Vree Health – e con l’ambizione di dimostrare tutto il valore che questi servizi possono generare, in modo da favorirne l’estensione su scala nazionale. Il riconoscimento come “Miglior Progetto rivolto alle Istituzioni e ai Payor” è un segnale tangibile della bontà della strada che Vree Health ha intrapreso, ovvero la volontà di essere riconosciuta come un’azienda di servizi healthcare con soluzioni a supporto del medico e del paziente a forte componente scientifica per una sanità pubblica più integrata, più efficace e più efficiente.”

Per quanto riguarda il privato Vree Health sta valutando l’opportunità di collaborare con i gruppi assicurativi che si occupano di sanità integrativa, oltre a mettersi a disposizione di aziende farmaceutiche che supportano programmi di aderenza terapeutica e misurazione degli outcome clinici/ organizzativi.

Le soluzioni messe a disposizione da Vree Health pongono al centro il medico ed hanno una forte componente scientifica: basata sullo studio Re.Mo. Te., il più grande studio clinico in Italia sulla telemedicina, che ha dimostrato che il supporto a distanza migliora il quadro clinico e la gestione della propria patologia oltre a ridurre l’utilizzo di risorse del SSN.

Eppure il ricorso alla tecnoassistenza sul territorio italiano non è ancora omogeneo: come ci ricorda Luca D’Attila “occorre uscire dalla dimensione pilota e possibilmente inserire questi servizi nei livelli essenziali di assistenza. Lo stesso ministro Lorenzin si è espressa a favore dell’inserimento della tecnoassistenza nei LEA: siamo fiduciosi che il percorso legislativo procederà in tal senso e che questi servizi diventeranno presto uno “standard of care” accessibile a tutti i cittadini”.

Last modified: 7 luglio 2017