Epatite C Zero: un viaggio alle frontiere dell’Epatite C

Frontiere, MSD si racconta| A cura di Policy & Communication, MSD

Sei sconosciuti convivono dall’alba al tramonto nello spazio ristretto di un van per un viaggio coast to coast, dall’Adriatico al Tirreno. La sfida è percorrere solo strade secondarie, evitando autostrade o superstrade.
Per scoprire nuovi paesaggi ma soprattutto per avere più tempo per conoscersi. I sei si incontrano infatti per la prima volta al momento della partenza: ad accomunarli, l’esperienza dell’epatite C. Quattro – tre uomini e una donna – come pazienti. Una dottoressa giovane ma già molto esperta. Un sesto passeggero, né paziente né medico, coinvolto come testimone estraneo ai fatti, si confronta per la prima volta con questa realtà.

Un lungo tunnel con poche vie d’uscita: fino a poco tempo fa, l’epatite C rappresentava questo. Oggi, grazie all’introduzione di nuove terapie e di una maggiore accessibilità ai trattamenti, lo scenario è cambiato: c’è sempre un viaggio da compiere, a volte tortuoso, ma questa volta la destinazione all’arrivo è illuminata dalla luce del sole. Nella maggior parte dei casi.
Epatite C Zero, web serie originale in 5 episodi sceneggiata e diretta da Valerio Di Paola, descrive questo grande cambiamento raccontandolo dal punto di vista dei pazienti e di chi li cura. Tra città di mare e scorci appenninici, il viaggio si snoda lungo ostacoli e imprevisti. All’interno del van i personaggi parlano, discutono, scherzano interagendo in tempo reale davanti alle telecamere, nella logica delle docu-fiction. Le scene di gruppo o le soste si alternano alle “confessioni” dei personaggi, ognuno dei quali viene messo a fuoco in una delle 5 tappe del viaggio. Ciascuno di loro ha incontrato l’Epatite C in un modo diverso. Tutti oggi possono avere la prospettiva di uscirne.

Epatite C Zero è quindi insieme un viaggio di scoperta e una metafora viva del percorso condiviso dalle persone con epatite C: lungo, con molte tappe e tornanti, ma dal quale oggi si può tornare a casa guariti.
La convivenza in uno spazio ristretto, il percorso lungo e tortuoso ma anche avvincente nella scoperta di nuovi paesaggi mette alla prova caratteri ed esperienze dei protagonisti e, nel ritratto intimo e intenso di ognuno di loro, fa emergere gli aspetti più personali, a volte toccanti, del percorso nella malattia. Presentata ufficialmente nel corso del Roma Web Fest (24-26 novembre) Epatite C Zero è un’iniziativa, promossa da MSD in collaborazione con EpaC onlus e con la supervisione scientifica di FIRE – Fondazione Italiana per la Ricerca in Epatologia, che vuole raccontare l’Epatite C dal punto di vista dei pazienti, coinvolgendo lo spettatore in una riflessione sulla complessità della malattia.

Gli episodi della webserie saranno caricati con cadenza settimanale sul sito www.epatiteczero.it
a partire dal 25 novembre.

La web serie Epatite C Zero, girata on the road nel Centro Italia, è una co-produzione Pro Format Comunicazione – Meltin’Pot e si avvale della produzione esecutiva di Nicola Liguori e Tommaso Ranchino, specializzati in spot e film di interesse sociale nel campo della salute e benessere.

 

Last modified: 16 gennaio 2018